Coronavirus-Italia 15.113 casi e 1.016 morti. Bollettino del 12 marzo - I AM CALCIO BIELLA

Coronavirus-Italia 15.113 casi e 1.016 morti. Bollettino del 12 marzo

Coronavirus dati 12 marzo
Coronavirus dati 12 marzo
LecceAltri Mondi

Ecco l'aggiornamento quotidiano per quanto riguarda l'epidemia di Coronavirus in Italia. I dati delle ore 18.00 del 12 marzo 2020, forniti dalla Protezione Civile, mostrano .

I DATI IN ITALIA - In Italia da quando è iniziata l'epidemia di Coronavirus, sono 15,113 le persone che hanno contratto il Virus, 2.214 nuovi infetti in più rispetto al dato di ieri. Di queste 1.016 sono decedute con un incremento di 188 rispetto a 24 ore fa e 1258 sono guarite(+213 rispetto a ieri). Attualmente i soggetti positivi, quindi esclusi decessi e guarigioni, sono 12.839.

I DATI NEL MONDO - In Cina i contagi vanno sempre più verso lo zero, i nuovi dati parlano di soli 14 casi nelle ultime 24 ore. In Corea Del Sud il totale ha toccato quota 7.869(+114 casi). L'Iran ha superato quota dieci mila infetti e 429 decessi. Continua l'inarrestabile crescita dei casi in Spagna che ad oggi ha registrato tre mila casi.

LO SPORT - Si registrano i primi due casi di positivi di calciatori di Serie A, si tratta di Rugani della Juventus e Gabbiadini della Sampdoria. Intanto anche il calcio internazionale inizia a fare i conti con l'emergenza, martedì si terrà un'importante riunione dell'Uefa in cui si deciderà il futuro delle competizioni europee compresi gli Europei che si dovrebbero svolgere quest'estate. Ne risente anche la Formula 1 che è vicina al rinvio del Gp d'Australia, in quanto un membro del team Mclaren è risultato positivo al Covid 19. Notizia delle ultime ore è anche lo stop ai tornei di Tennis.

PROTESTE NELLE FABBRICHE - Dopo il decreto di ieri sera del Governo che ha posto ancora maggiori limitazioni, chiudendo altre attività, è scoppiata la protesta nelle fabbriche che restano comunque aperte. I sindacati, infatti, hanno comunicato che chiedono la chiusura: "fino a domenica 22 marzo, al fine di sanificare, mettere in sicurezza e riorganizzare i luoghi di lavoro. I lavoratori sono giustamente spaventati. In mancanza di ciò dichiariamo sin da ora l’astensione nazionale nell'intero settore merceologico, a prescindere dal Contratto utilizzato. A copertura di ciò proclamiamo lo sciopero per tutte le ore necessarie".

ATTESA PER IL DECRETO ECONOMICO - Saranno varate domani le misure economiche per il sostegno a famiglie e imprese. Tra i provvedimenti allo studio: cassa integrazione speciale per tutti i lavoratori e per tutti i settori, rinvio del pagamento delle tasse e contributi per chi viene danneggiato dalla crisi, sospensione più facile delle rate di mutui e prestiti, per lavoratori stagionali o autonomi dovrebbe arrivare la sospensione dei versamenti dei contributi previdenziali, per le famiglie un rafforzamento del congedo parentale o un voucher baby sitter.

BORSA - PEGGIOR CROLLO DI SEMPRE - Crolla la Borsa in Italia. Per Piazza Affari si registra il giorno più difficile di sempre. L'indice Ftse Mib ha terminato a -16.92% che è il peggiore risultato di sempre per la piazza finanziaria italiana. L'emergenza Coronavirus non lascia scampo e nemmeno l'intervento della Bce è servito a rasserenare i mercati.

Matteo Pagano