IL PAGELLONE - Eccellenza e Promozione: top 11 e analisi squadre - I AM CALCIO BIELLA

IL PAGELLONE - Eccellenza e Promozione: top 11 e analisi squadre

Virga, splendido goal in rovesciata
Virga, splendido goal in rovesciata
BiellaEccellenza

ECCELLENZA

LA BIELLESE 6

Si conclude con la divisione della posta in palio il match del "Pozzo-Lamarmora" tra Biellese e Città di Baveno. Per le modalità con cui è arrivato, si può parlare di punto conquistato da parte dei bianconeri che, pur partendo bene, vengono raggiunti e rimontati dagli ospiti, i quali offrono un gioco migliore. Ci pensa poi Mancuso ad impattare al minuto 90. Padroni di casa in vantaggio nel primo quarto d'ora, grazie alla prima rete con la nuova maglia di Tettamanti, con lo stesso centrocampista che nei minuti successivi patisce un infortunio muscolare ed è costretto a lasciare il campo. Sostituzione che sembra lasciare il segno; la squadra che perde le misure e subisce il ritorno dei lacuali, che ribaltano grazie alla doppietta in 5 minuti di Salzano, prima trasformando un contestatissimo rigore, poi ripetendosi con un preciso diagonale. La ripresa è ancora all’insegna delle scorribande ospiti, che non allungano solamente grazie ad un salvataggio sulla linea e ad un palo colpito ancora dal bomber ex Cerano. Si fanno sentire gli ultras bianconeri, che contrari all’operato dell’arbitro, invadono la pista attorno al rettangolo di gioco e obbligano il direttore di gara a sospendere momentaneamente la partita. Gli istanti finali di gara premiano La Biellese, che grazie al primo squillo con la nuova maglia di Mancuso, pregevole il suo tiro da fuori, impattano al 90esimo. Una disattenzione difensiva a gioco appena ripreso rischia di costare caro ai bianconeri, mandando su tutte le furie mister Peritore, ma fortunatamente Salzano perdona e calcia a lato.

I migliori: Affinito, Tettamanti.

FULGOR RONCO VALDENGO 5

Non basta l’ennesima prestazione ordinata della Fulgor per evitare una nuova sconfitta interna. A Valdengo, al termine di una partita a grandi tratti equilibrata, è il Borgovercelli ad uscire vincitore. Pur priva di Montari e con tutti e 3 i nuovi arrivati subito in campo, la formazione di mister Mellano non sfigura, anzi, dimostra di saper tenere il campo contro una squadra sulla carta più attrezzata. Se difensivamente, i biancoazzurri riescono spesso a contenere le scorribande avversarie, il fronte offensivo continua a non girare e viene confermata la poca incisività sotto porta: preoccupante il fatto che la FRV abbia segnato una sola volta nelle ultime 7 gare. Le reti subite sono invece frutto di due calci di rigori: il primo, molto contestato dal tecnico di casa, segnato su respinta dopo la parata di Bonassi sposta l’inerzia dell’incontro verso i vercellesi, che ad inizio ripresa replicano sempre dagli undici metri. Piccirilli e compagni provano a restare in gara, ma la seconda ammonizione nei confronti di Canova, toglie definitivamente le energie dei padroni di casa che si limitano a chiudere evitando un passivo peggiore. Valdengo che dovrà necessariamente cercare punti nelle prossime partite per lasciare l’ultimo posto in classifica. Resta la consapevolezza di avere un gruppo molto giovane che presenta ampi margini di miglioramento.

I migliori: Bonassi, Piccirilli.   

PROMOZIONE

CITTÁ DI COSSATO 7

Anno nuovo, vita nuova. È il caso del Città di Cossato, che vince la seconda partita consecutiva contro una diretta concorrente per un piazzamento prestigioso, questa volta la Juventus Domo, scavalcandola in classifica e spazzando via quei dubbi che erano affiorati dopo una prima parte di stagione un po’ sottotono. Il paladino della vittoria è  Andrea Romussi, che decide il match, terminato 1-0, con un calcio di rigore al 36’. All’Ezio Abate di Cossato si gioca una partita che non offre tanto spettacolo, ma dal primo minuto si capisce che sarà una battaglia per tutti i novanta minuti. I blues la interpretano nel migliore dei modi, con tanta intensità difensiva; non a caso i due giocatori più brillanti, Adamo e Ndiaye, fanno parte del reparto arretrato. Sono poche le azioni chiare da goal, ma quando gli ossolani concedono qualche ripartenza, i ragazzi di mister Forzatti non concretizzano. L’unico momento in cui la formazione ospite riesce a mettere sotto pressione i cossatesi è all’inizio del secondo tempo. Bruscagin, l’estremo difensore blues, risponde presente tenendo invariato il risultato. L’unica nota negativa è l’espulsione di Curatolo, che non ha comunque influito sul punteggio finale. Tanta soddisfazione all’interno dello spogliatoio cossatese, che ora vede la zona di diretto interesse a due passi. La prossima settimana c’è l’opportunità di prolungare questa serie di risultati in casa del fanalino di coda Vogogna.

I migliori: Adamo, Ndiaye

VIGLIANO 5,5

Assenze, polemiche e tre punti persi. Ecco la domenica del Vigliano, uscito sconfitto 2-3 contro lo Sparta Novara. A portarsi in vantaggio sono gli ospiti, che passano al 25’ con Zanotti. Immediata la reazione giallorossa: al 28’ mette in rete Briola con un’incornata, a confermare il suo stato di forma. Il primo tempo finisce con il parziale di 1-1, ma nella ripresa succede di tutto. I novaresi vanno in doppio vantaggio, prima con Blanda e poi con Petrone, che fissano il risultato sull’ 1-3. Proprio in occasione dell’ultimo goal scoppiano le polemiche. “Il guardalinee aveva alzato la bandierina per segnalare il fuorigioco, ma il direttore di gara ha convalidato pur essendo distante 50 metri”, argomenta mister Ariezzo, che va su tutte le furie al 20’, quando viene concesso rigore per i padroni di casa con annessa espulsione, ma l’arbitro è autore di un dietrofront: “Inizialmente ci hanno dato rigore ed espulso un giocatore dei loro, poi hanno ritrattato assegnando calcio di punizione e cartellino giallo”. Placatesi le polemiche, i viglianesi sono tornati a rendersi pericolosi, sino alla splendida rovesciata scagliata in rete da Virga all’ 87’. Una partita molto sofferta, dove hanno contribuito anche le tante assenze a centrocampo. Si interrompe così la striscia positiva di vittorie del Vigliano; nonostante ciò, la classifica continua a sorridere, perché i giallorossi restano pienamente in zona play off a soli tre punti dal primo posto.

I migliori: Briola, Virga, Coppo

La top 11 di giornata: (4-3-3)

Bonassi (Fulgor Ronco Valdengo); Ndiaye (Città di Cossato), Affinito (La Biellese), Adamo (Città di Cossato), Virga (Vigliano); Emanuele (Fulgor Ronco Valdengo), Tettamanti (La Biellese), Coppo (Vigliano); Mancuso (La Biellese), Briola (Vigliano), Romussi (Città di Cossato). All. Forzatti (Città di Cossato). 

La Redazione