Promozione A - Sfida salvezza per il Cever. La FRV tenta il sorpasso

Esposto e la FRV vogliono il sorpasso
Esposto e la FRV vogliono il sorpasso

CEVERSAMA  - VOGOGNA

Sfida delicata quella che si appresta ad affrontare il Ceversama, un vero e proprio scontro salvezza contro il Vogogna per conquistare punti fondamentali per uscire dalla zona rossa della classifica. I gialloblù si trovano in un buon momento di forma e sono reduci da 4 partite da imbattuti, e dovranno avere un approccio alla partita contro gli ossolani sul livello delle ultime uscite. Assente il difensore classe ’99 Martiner per squalifica, il tecnico Pellerei dovrà valutare se schierare uno tra i Urlati o Apollo centrocampo e mantenere 3 difensori di ruolo, oppure optare per un ritorno al 4-4-2 con due giovani sulle fasce. Non saranno del match nemmeno Chieppa e Spagnolo, infortunati. Conferma in attacco per Umeroski, a segno da 4 gare consecutive, mentre alle sue spalle sarà ballottaggio Tara - Curtolo. Sarà necessaria una prestazione solida contro una formazione che fa della fisicità una delle armi migliori, e servirà la massima concentrazione fino all’ultimo minuto, caratteristica mancata nel match di andata e pagata con una rete subita allo scadere.

Ceversama (3-5-2) Sazimanoski; Bocca, Lauro, Carazza, Teagno, Rossi; Urlati, Mattarollo, Dondi; Tara, Umeroski.

BIANZE’ - FULGOR RONCO VALDENGO

La rincorsa alla testa della classifica per la Fulgor Ronco Valdengo passa da Bianzè, dove affronterà la squadra che, assieme agli stessi biellesi, ha sorpreso più di tutti nel girone di andata. I vercellesi, reduci dalla bella vittoria sul campo del Dormelletto stazionano appena fuori dalla zona playoff e tenteranno il colpo per avvicinarla ulteriormente. Mister Modenese non avrà a disposizione i giovani Fila e Gagna, e dovrebbe schierare Zia come terzino, e nuovamente Esposto arretrato in difesa. Recupera il proprio posto da titolare Romussi, mentre a centrocampo Torta completa la mediana. Servirà una prestazione più orientata sulla cattiveria e sulla cinicità che improntata sul bel gioco, per uscire dal campo vercellese con 3 fondamentali  punti.

Fulgor Ronco Valdengo (4-4-2) Lanza; Zia, Ndiaye, Esposto, Gaio; Rizzato, Torta, Ciraulo, Manzano; Romussi, Marazzato

SPARTA NOVARA – PONDERANO

Trasferta ostica per il Ponderano, atteso a Novara sul campo dello Sparta, reduce dal successo per 3 a 0 a Vogogna della scorsa giornata. I nerostellati dovranno essere abili a riproporre sul campo la stessa grinta e lo stesso carattere fatti intravedere nel match contro il Piedimulera, nel quale hanno rimontato il doppio svantaggio, raggiungendo un pari insperato, che ha permesso ad Acquadro e compagni di mantenere 3 punti di distanza sulla zona playout. Non saranno disponibili Ferron e Cagnoni, infortunati, mentre riprende il proprio postoa centrocampo Ferrigno dopo aver scontato la squalifica. Acquadro e Friddini partiranno titolari nel tridente offensivo di mister D’Ambrogio, con Petrillo e Motta che si contendono l'ultima maglia a disposizione.

Ponderano (4-3-3) Pitarresi; Filopandi, Candela, Bigotti, Gusu; Bergo, Ferrigno, Quaglio; Acquadro, Friddini, Petrillo

PIEDIMULERA - CITTÀ DI COSSATO

Il riscatto del Città di Cossato passa dal difficile campo di Piedimulera in quello che si preannuncia come il big match di giornata. I blues cercano immediatamente il riscatto dopo la debacle interna contro il Varallo, tentando di difendere il primato dall’assalto delle inseguitrici. Mister Ariezzo ha fiducia nella propria squadra, ma definisce l'incontro come aperto ad ogni risultato, in una gara tra due formazioni tra le più complete della categoria e si aspetta prima di ogni altra cosa una prestazione digrande livello. L’infermeria é finalmente vuota e il centrocampo ritrova Samarotto e Rocco, rientri che consentono il ritorno di Giordano in difesa. Chieppa è invece febbricitante, se non dovesse recuperare spazio all'inedita coppia Imoh - Giovinazzo.

Città di Cossato (4-3-1-2) Loggia; Sella, Celussi, Giordano, Adamo; Ravetto, Rocco, Samarotto; Curatolo; Imoh, Giovinazzo

Federico Tara