IL PAGELLONE - Eccellenza e Promozione: top 11 e analisi squadre

Acquadro, ancora tra i migliori
Acquadro, ancora tra i migliori

ECCELLENZA

La Biellese 6,5

Nella giornata dei pareggi, La Biellese non riesce a violare il campo dell’Alicese, mancando il sorpasso proprio sui granata e il ritorno nella zona playoff. Ad Alice i bianconeri, privi di numerosi giocatori, riescono comunque ad agguantare il quinto risultato utile consecutivo con mister Roano alla guida, grazie al pareggio per 1 a 1. Nella prima frazione di gioco sono i padroni di casa a trovare il vantaggio, sfruttando una banale palla persa e raccogliendo il massimo dal successivo contropiede, con Meo Defilippi che firma la rete dell’uno a zero. Ad inizio ripresa il tecnico Roano cambia il volto dei suoi grazie ad una serie di cambi e la squadra trova maggior fluidità. Il goal del pari arriva sull’asse Coppo – Cabrini, con il primo che, dopo una palla recuperata, lancia a tu per tu con il portiere il proprio numero 10: preciso diagonale nell’angolino e risultato sull’1 a 1. Una buona prova de La Biellese, che non sfrutta i pari di tutte le squadre che la precedono, ma dimostra di avere carattere nel sapere riaprire una gara che rischiava di essere compromessa.

PROMOZIONE

Ponderano 6,5

 Bel pareggio in rimonta per il Ponderano che in casa contro il Piedimulera rimonta il passivo per 2 a 0 e conquista un punto che mette 4 distanze tra sé e la zona playout. Dopo essersi visti annullare una rete per fuorigioco, i nerostellati di trovano sotto nel punteggio al terzo minuto, grazie alla pennellata su punizione di Fernandez. Lo svantaggio sconforta gli uomini di mister D’ambrogio, con gli ossolani che ne approfittano per raddoppiare a metà primo tempo grazie al tocco di Ceschi, in anticipo su Pitarresi in uscita. Da qui parte la reazione dei padroni di casa, con Acquadro che di testa prima dell’intervallo, sfrutta al meglio il cross di Motta e riapre la partita. L’inizio della ripresa è combattuto, con occasioni da ambo le parti, ma sono ancora i nerostellati a trovare la via del goal, che arriva grazie al neoarrivato Petrillo, più lesto di tutti a raccogliere la corta respinta del portiere e pareggiare il risultato. Grande prova del Ponderano che dimostra di saper soffrire e di avere il giusto carattere, attributi fondamentali nella rincorsa alla salvezza diretta.

Ce.ver.sa.ma 6,5

Buon ritorno al campionato per il Ce.ver.sa.ma che ottiene un sudato pareggio sul campo del fanalino La Chivasso. I gialloblù non cadono nel tranello di sottovalutare l’avversario, che si è poi dimostrato essere rinnovato nell’organico rispetto al girone di andata e spinto dalla consapevolezza di non poter gettare via ulteriori partite. L’approccio alla gara dei padroni di casa è migliore, e la grinta messa in campo dai biancorossi sorprende il cever, che fatica a macinare gioco e a prendere le misure. La partita è maschia e non si registrano occasioni nitide da goal fino al 40esimo, quando Dondi devia di testa un cross dalla sinistra e trova sul secondo palo Umeroski, libero di insaccare il goal del vantaggio. I Torinesi però non appaiono intimoriti e spingono sull’acceleratore, trovando ad inizio ripresa la rete di Ignazzi che pareggia i conti. Le cose sembrano mettersi male per Bocca e compagni quando al 15esimo minuto Martiner lascia i suoi in 10, ma i ragazzi di mister Pellerei riescono a mantenere il risultato inalterato fino al termine della partita. Quarto risultato utile per il Cever, che dovrà continuare a macinare punti anche nella prossima delicatissima sfida interna contro il Vogogna.

Fulgor Ronco Valdengo 6,5

Fulgor Ronco Valdengo che viene bloccato in casa dal Briga con il risultato di 1 a 1, ma che grazie al pari ottenuto riesce a riportarsi in prima posizione al pari dello sconfitto Città di Cossato. I ragazzi di mister Modenese arrivavano al match con qualche problema di formazione, con Mercandino utilizzato da terzino ed Esposto impiegato da centrale difensivo. La Fulgor però riesce comunque a dimostrarsi squadra solida, creando diverse occasioni da rete senza riuscire a portarsi in vantaggio. Al termine della prima frazione di gioco sono i novaresi a trovare la via del goal, con Cataldo che batte Lanza. Così come da copione del primo tempo, la ripresa vede i padroni di casa macinare gioco e chances, ma è solo al 68esimo che Marazzato, sfruttando un cross di Gaio, riesce a pareggiare la contesa. Partita che termina in parità nonostante le numerose offensive di marca biellese. Fulgor che potrà tentare l’assalto alla vetta a partire dall’inisidiosa trasferta di domenica in terra vercellese, sul campo del lanciatissimo Bianzè.

Città di Cossato 5

Approccio col girone da ritorno da dimenticare per il Città di Cossato che dopo una gara sulla carta ben disputata, subisce la rete della beffa negli ultimi minuti di gioco e perde la partita contro la Dufour Varallo. Decade così l’imbattibilità della squadra di mister Ariezzo che durava dal dicembre del 2017, e blues che si vedono riagganciati in vetta dalla Fulgor Ronco Valdengo. Giordano e compagni conducono una buona gara, ma non riescono ad essere incisivi in zona offensiva, tanto è vero che le prime occasioni nitide arrivano nella ripresa, ma la mancanza di lucidità degli attaccanti in maglia blues non consente il vantaggio. Ne approfittano così i neroverdi che prendono fiducia e nel finale di partita dapprima impegnano Loggia, sin qui mai chiamato in causa, poi lo trafiggono con un colpo di testa ravvicinato. Primo tonfo in campionato per il Città di Cossato, che dovrà difendersi dal ritorno delle inseguitrici sin dalla prossima partita sul difficile campo del Piedimulera.

La top 11 della settimana (3-4-3)

Sazimanoski (Ceversama); Lanza (Città di Cossato), Celussi (Città di Cossato), Esposto (Fulgor Ronco Valdengo); Ravetto (Città di Cossato), Dondi (Ceversama), Rizzato (Fulgor Ronco Valdengo), Acquadro (Ponderano); Marazzato (Fulgor Ronco Valdengo), Umeroski (Ceversama), Cabrini (La Biellese). All. D’Ambrogio (Ponderano)

Federico Tara