Le pagelle di La Biellese - Juventus Domo

Riccardo Poi, migliore della Juve Domo
Riccardo Poi, migliore della Juve Domo
- 24930 letture

LA BIELLESE

Biolcati 8: Roano decide di farlo esordire nella partita più difficile per un portiere in quanto la Juve Domo detiene il miglior attacco del campionato, ma il portierino non ancora maggiorenne non si fa impressionare e sfoggia una grande prestazione con ottime parate e dimostrando anche grande coraggio e tempismo perfetto nelle uscite. Salva più volte il risultato e sui gol è esente da colpe. Migliore in campo.

Bonato 6,5: schierato terzino destro sa come tenere a bada Poi annientandolo soprattutto nel primo tempo, in fase offensiva non sbaglia mai giocata e propizia il secondo gol bianconero. A metà ripresa torna al centro della difesa e fa fatica maggiormente a prendere le misure complice anche l’arrembaggio ossolano.

Giordano 6,5: mezzo voto in meno perché sul gol del pareggio Hado si libera dalla sua marcatura, ma in questo caso non si tratta di errore del capitano bianconero, ma di merito del bomber avversario. Per tutta la partita guida bene la sua squadra compiendo interventi sempre puliti, come la scivolata dentro l’area di rigore su Poi nel primo tempo.

Bullano 6: guidato dai suoi più esperti compagni di reparto svolge il suo ruolo con sufficienza aggiungendo centimetri e solidità alla retroguardia bianconera. Costretto ad abbandonare il terreno di gioco al 20’st per infortunio.

-20’st Ramella 6: rientra dopo l’infortunio, non lasciando particolari tracce sulla partita.

Bustreo 6: il terzino bianconero controlla bene Todisco prima ed Elca poi. Spinge meno del solito, ma in questa gara c’era più bisogno di copertura per lasciare a Coppo meno compiti difensivi.

Corio 5,5: nel primo tempo pressa altissimo e non lascia spazi al regista avversario Incontri costringendo così l’impostazione ai difensori centrali avversari che sbagliano più volte giocata. Nel secondo tempo cala di intensità non riuscendo a ripetere la prestazione del primo tempo, forse anche condizionato dal cartellino giallo.

Botto Poala 5,5: nei primi minuti è pimpante e si fa vedere in regia, poi si nasconde un po’ e finisce per toccare pochi palloni. Sicuramente ha inciso sulla sua prestazione il cartellino rimediato al 23’ che gli è poi costata l’espulsione sul finire di gara, ma il secondo giallo era obbligatorio per fermare la ripartenza ospite.

Vanoli 7,5: piedi educatissimi e intelligenza a servizio della squadra. Quando riceve palla sa sempre cosa fare e distribuisce palloni con tempismo perfetto. Ottimo tempismo anche per l’inserimento che gli ha permesso di trovarsi a tu per tu con Bastianelli e batterlo con un tocco delizioso con la punta del piede.

Dossena 6: ha il merito di portare in vantaggio la sua squadra siglando il gol in contropiede, ma per il resto della partita fatica ad incidere. Nel secondo tempo potrebbe aiutare maggiormente in fase difensiva, ma evidentemente le gambe non giravano più visto anche il minutaggio ridotto.

- 31’st Canton 7: entra perfettamente in partita ed il primo pallone toccato lo trasforma in oro servendo uno splendido assist a Vanoli. Forse avrebbe meritato di entrare prima in campo, vista anche la sua ampia falcata che avrebbe permesso di alternare ripiegamenti difensivi a veloci ripartenze.

Marazzato 6: fa la lotta contro Fusco e Pioletti reggendo da solo il peso dell’attacco. Potrebbe avere una ghiotta occasione nel primo tempo, ma sfiora soltanto il filtrante di Vanoli non riuscendo a controllare. Si arrabbia al momento del cambio, forse non soddisfatto della sua gara, ma è stata una grande prestazione di sacrificio.

- 17’st Latta 5,5: entra per pungere con la sua velocità e ci prova in diverse occasioni senza riuscire a trovare lo spazio giusto. Ha una bella occasione per tornare al gol, ma il suo colpo di testa è impreciso e termina a lato.

Coppo 7,5: dopo la lunga squalifica sta ritrovando fiducia e condizione fisica. Quando parte in velocità gli avversari non riescono mai a fermarlo ed ogni volta che si trova negli ultimi 25 metri crea pericoli con conclusioni o cross. Il gol del 2 a 0 è praticamente perfetto per coordinazione e impatto sul pallone, sfiora la doppietta personale con un bel tiro a giro.

Roano 7: la scelta di schierare Biolcati dal primo minuto si è rivelata una mossa azzeccatissima in quanto il portiere bianconero risulterà poi il migliore in campo. L’infortunio di Bullano l’ha costretto ad un cambio forzato che forse gli avrebbe consentito di inserire prima Canton. Ha comunque il merito di aver sfiorato la vittoria contro la capolista, anche se in un momento di crisi.

JUVENTUS DOMO

Bastianelli 6: il portiere ossolano è esente da colpe, anzi riesce quasi a deviare in angolo la conclusione a botta sicura di Dossena in occasione del primo gol.

Laratta 5: Coppo è un cliente scomodissimo e nel primo tempo non riesce mai a fermarlo facendosi anche scavalcare dal pallone in occasione del secondo gol.

- 1’st Hado 7: Brando l’ha tenuto in panchina per avere un’arma in più a gara in corso e questo si è dimostrato nell'andamento del match. L’attaccante è entrato benissimo in partita e prima si è visto parare la sua conclusione da uno straordinario intervento di Biolcati, poi con un bellissimo movimento e grande senso del gol ha siglato la rete del 2 a 2, il suo 14° centro stagionale.

Fusco 5,5: partita quasi sufficiente per il centrale granata senza grandi errori, ma subire tre gol è troppo per la difesa della prima della classe.

Pioletti 5: nel primo tempo il capitano si assume il compito di impostare da dietro sbagliando moltissimi palloni.

Manfroni 6,5: svolge una buona fase difensiva, ma da il meglio di sé quando si fa vedere in avanti con percussioni pericolose. Da una di queste conquista il calcio di rigore che da il via alla rimonta ossolana.

Incontri 7: nel primo tempo è oscurato e tocca pochissimi palloni. Nei secondi 45 minuti sale in cattedra prendendosi grandi responsabilità dimostrando così tutte le sue ottime doti. Grande visione di gioco e lanci millimetrici, sicuramente tra i migliori centrocampisti del campionato. Chiede il cambio per infortunio ed esce zoppicando dal campo mimando il gesto dell’aver “sentito tirare”.

- 45’st Piazza s.v.

Alliata 6: prestazione sufficiente la sua al fianco di Incontri, dimostrando buona corsa e fisicità. E’ un classe ’97 che può solo migliorare.

Leto Colombo 5: il trequartista ossolano non riesce mai ad entrare in partita fornendo una partita anonima.

Todisco 5,5: da esterno alto nel primo tempo spreca il cross di Elca mandando fuori di testa, poi scala sulla linea dei difensori nel secondo tempo per 17 minuti fino all’ingresso di Guerra che lo riporta esterno d’attacco. Bene per impegno e disponibilità.

Poi 7,5: è il capocannoniere del girone e uomo più pericoloso della squadra di Brando e lo si capisce dopo tre minuti. Spreca alcune occasioni forse dettate anche dal momento psicologico non ottimale di tutta la squadra, ma dal dischetto è una sentenza e la punizione del 3 a 3 è un autentica perla che salva la sua squadra da una debacle completa. Con questa doppietta sono 29 reti in stagione.

Elca 6: nel primo tempo combina bene con Poi e le azioni migliori della sua squadra passano dai suoi piedi. Nel secondo tempo esce dalla scena spostato in un ruolo non proprio adatto alle sue caratteristiche.

- 17’st Guerra 6,5: entra subito in partita e recuperata palla nella sua metà campo sfrutta la sua freschezza per servire Hado a centro area in occasione del secondo gol ossolano.

Brando 6: sei partite senza vittoria sono tante, ma i numerosi indisponibili di queste ultime giornate non hanno sicuramente aiutato. Bravo a ricaricare la squadra nell’intervallo e riprendere una partita che sembrava già persa. Ora gli aspettano 180’ di fuoco per vincere l’ennesimo campionato della sua carriera da allenatore.

Cronaca e tabellino del match.

Andrea Marini